fbpx
Media
20 Settembre 2019
News

È questo il nostro lavoro

Calenda: "Un aggiornamento sul lavoro al Parlamento Europeo e il percorso di SE"

Torno ad aggiornarvi sul lavoro al Parlamento Europeo. E, con tutto quello che sta succedendo in Italia, sul percorso e la sfida per trasformare Siamo Europei in un movimento politico capace di riportare la politica dal rumore di sottofondo alle cose concrete che interessano l’Italia seria.

A Strasburgo sono intervenuto, non senza emozione, in Aula per la prima volta. In una sessione significativa, perché si è discussa la mia proposta – sposata dal gruppo dei Socialisti e Democratici – di istituire una Commissione speciale sulle interferenze estere sulle elezioni, ovvero i tentativi di appoggiare partiti che si spacciano per sovranisti ma in realtà sono al servizio di interessi stranieriQui il video completo

Il nostro lavoro from Siamo Europei on Vimeo.

Un’altra notizia importante: l’elezione di Irene Tinagli alla presidenza della Commissione Affari Economici e Monetari. Un ruolo cruciale su dossier che toccano da vicino l’Italia. La politica si cambia così: mettendo le persone di qualità nei posti giusti. Questa è la storia di Irene e siamo orgogliosi di aver contribuito con Siamo Europei alla sua elezione.

In Europa stiamo lavorando bene con il Gruppo PD-Siamo Europei, dove non ci sono alleanze con il M5S. Ma dobbiamo collaborare sulle cose. Per questo sono molto preoccupato che il Ministro Gualtieri abbia confermato quota 100, il reddito di cittadinanza, la nazionalizzazione di Alitalia e non abbia detto dove si trovano i 4 miliardi per evitare tagli alla scuola o le risorse per assumere gli 8mila medici e i 30mila infermieri che mancano.

Siamo Europei cambierà nome, ma non cambierà spirito: siamo già al lavoro per costruire una classe dirigente nuova, fatta di amministratori che conoscono il lavoro e sanno gestirlo, persone serie e competenti che hanno voglia di impegnarsi per affrontare i problemi del Paese e migliorare i servizi al cittadino, come Walter Ricciardi e Matteo Richetti.

Stiamo lavorando sulle proposte concrete per la scuola e la sanità. È un percorso lungo e difficile ma serio e perciò l’unico per cui vale la pena impegnarsi. Questo è e sarà il nostro lavoro. Andiamo avanti.